Cucina molisana

Ricette della Cucina molisana


Lenticchie

Le lenticchie vengono considerate dal punto di vista alimentare uno dei legumi più buoni e nutrienti esistenti.
lenticchie1
La lenticchia è un dicotiledone di tipo annuale, che viene coltivata per le granelle (i semi) contenuti all’interno dei suoi frutti. I baccelli per l’appunto, contengono due semi appiattiti, quelli che noi comunemente consumiamo. Statisticamente la lenticchia è un legume molto diffuso in Europa a dispetto della scarsa coltivazione che si fa dello stesso a livello mondiale, pari a circa 4 milioni di tonnellate annue.

La pianta, di origine asiatica, è conosciuta fin dall’antichità: diversi cenni ad essa relativi sono riscontrabili addirittura nella Bibbia. Si hanno prove che fosse coltivata in medi oriente fin dal 7000 a.c. e per secoli, grazie alla forte componete proteica, era conosciuta come la carne dei poveri. Le lenticchie possono essere divise in diverse varietà, ma le più conosciute sono quelle a seme piccolo e seme grande. Tra le più importanti incontriamo una lenticchia tipicamente italiana, quella di Castelluccio, ritenuta particolarmente pregiata per le sue ridotte dimensioni e la sua elevata proprietà organolettica: la pellicola che avvolge le lenticchie di Castelluccio quasi scompare dopo la cottura. Tra le più utilizzate appaiono ad ogni modo anche quelle verdi di Altamura, ottime per la preparazione di contorni e quella rossa, definita “egiziana” commercializzata principalmente in Medio Oriente.

Per essere consumata al meglio la lenticchia non deve essere infestata da parassiti o larve, ed i suoi contenitori (buste, scatole) non devono presentare ammaccature o rigonfiamenti particolari che potrebbero essere sinonimo di sviluppo di organismi dannosi all’interno. Ricche di zuccheri, ferro e proteine, le lenticchie sono forse il legume più digeribile in assoluto. Alcune varietà potrebbero necessitare prima della consumazione, di un ammollo preventivo in acqua fredda di almeno 10 ore.

Nella cucina molisana la lenticchia viene utilizzata indifferentemente per primi piatti dal sapore avvolgente, come zuppe contadine saporite e corpose, e per contorni sfiziosi: Esse vengono presentate alla tavola sia sole, come accompagnamento di secondi piatti a base di carne, sia in compagnia di altri ortaggi spesso avvolte in un sugo a base di pomodoro fresco.


Ricerca per ingredienti: aceto acqua agnello alloro anice animelle baccalà budella capra carciofi castagne cioccolato cotiche fagioli farina farina gialla fave formaggio lardo latte lenticchie maiale mandorle marmellata amerene mollica di pane mosto noci olio olive origano ortiche pancetta pane pasta patate peperone peperoni pesce pomodoro prezzemolo riso sedano strutto uova zucchero